LA SCUOLA NON SERVE A NULLA

La-scuola-non-serve-a-nulla-2-1530x600

Organizzatore

Treatro Terre di Confine

ingresso 5 euro

di e con Antonello Taurino

scritto con Carlo Turati

luci Ornella Banfi

suono Ivan Garrisi

produzione Teatro della Cooperativa

Spettacolo selezionato per i bandi “RIFUGIO D’ARTISTA 2016”, “LABIRINTO – CONCORSO ARTI MID 2017”, “THEATRICAL MASS 2017”e per il premio “TROIA TEATRO FESTIVAL – 2017”

Il professore di una scuola di frontiera viene sospeso dal servizio, anche se non si capisce bene perché. Metodi didattici troppo bizzarri? Può essere: ma del resto come fare per accendere quel minimo sindacale di interesse in classi terremotate, multirazziali, multireligiose e multilinguistiche? Certo, c’è da dire innanzitutto che l’autore Antonello Taurino, essendo nella realtà docente precario di giorno e attore altrettanto precario di sera, racconta una realtà che conosce direttamente sulla propria pelle, attraverso lo sguardo autobiografico di un professore che nella vita è anche comico. Così come Carlo Turati, che alterna l’insegnamento alla scrittura per tanti grandi professionisti della risata. Attor comico e insegnante: due mestieri, che, a volte, non sono poi così diversi. E, infatti, fare il prof. nella “Buona Scuola” − in una pessima scuola di periferia −, è una fatica di Tantalo: ma se sopravvivi ne esci capace di recitare Ionesco all’Oktoberfest, affrontare Shakespeare tra i rutti della platea o rendere Pirandello interessante anche al pubblico di Martufello. Il prof. con le sue nevrosi incarna davvero un’emergenza sociale: si barcamena nelmicrocosmo di alunni e colleghi − anch’essi riconoscibili nei loro tic caratteriali −, ci parla del Web e di una generazione iperconnessa con cui però non s’è imparato ancora a fare i conti.

La Scuola non serve a nulla” è un viaggio tragicomico tra i paradossi della Scuola di ieri e della “BuonaScuola” di oggi. L’unico riscatto possibile può arrivare dalla convinzione che nessuna riforma o burocrazia potrà MAI seppellire (e nessuna tecnologia potrà MAI sostituire) la relazione umana tra docente e studenti. La certezza che il docente, come ogni attore, è un soggetto vivo davanti ad altri soggetti vivi.

  • 31 March 2019, 21:00

Forno Fusorio

Via Amadini, 48, 25060 Tavernole sul Mella BS, Italia

Come arrivare

Caratteristiche della location

  • Accessibile ai disabili anche ipoudenti e ipovedenti
  • Adatto ai bambini
  • Adatto alle famiglie
  • Altro
  • Con bar
  • Con guardaroba
  • Con parcheggio riservato
  • Raggiungibile coi mezzi pubblici